Come un quarto di bue in una macelleria sociale….

24 maggio 2010

Il 19 maggio una nostra delegazione era a Roma, a “presidiare” il Senato. Una delegazione dei manifestanti è stata accolta dalla VII commissione e dal Senatore Valditara, tra quelli che sono stati accolti c’è una nostra collega. Nel frattempo la Commissione ha licenziato il testo emendato del ddl 1905. Possiamo anticipare che per quello che ci riguarda il testo ne esce peggio di come ne è entrato. In un prossimo post un commento articolato che stiamo ancora studiando.

Quanto al Presidio, è stato ricco di presenze e non tanto ovviamente nei numeri, che un presidio non è una manifestazione nazionale, ma c’erano tutte le organizzazioni sindacali e di categoria e soprattutto ricercatori di tutti gli Atenei di Italia. E molti studenti, ovviamente romani. Per i precari oltre alla nostra rete c’erano i colleghi della Sapienza di Laboratori Precari. Valditara ha detto nulla, solo che si impegnerà a far ridurre i tagli che in effetti pregiudicano l’impianto della riforma e che il lavoro fatto dalla commissione è stato buono. Ma a breve un più dettagliato resoconto.

La questione sulla quale urge intervenire, infatti, è la Manovra Tremonti da 27/30 miliardi di euro. Non sarà una macelleria sociale dice il Berlusconi, intanto dalla bozza pubblicata dal Corriere della Sera ma ora sparita dal sito appare ben altro. Quanto possa essere attuale o credibile questa bozza non lo sappiamo. Molto probabilmente in queste ore sarà cambiata e potrebbe venire stravolta. Comunque, nel leggere i quotidiani di oggi, i punti di frizione non sono quelli che vi segnaliamo che appaiono evidentemente ai più come marginali. A partire dal blocco del turn-over che non interessa proprio nessuno. E’ evidente che di sociale non c’è nulla, la macelleria invece c’è tutta. E ovviamente i più colpiti siamo noi. A seguire quelli di noi che hanno avuto al fortuna (già che il merito, lo sappiamo, è secondario) di aver vinto un concorso negli ultimi anni. Ecco quanto prevede la bozza in ordine di articoli

  Leggi il seguito di questo post »