Bologna calling. 8 Ottobre 2010 Assemblea nazionale dei precari dell’università

29 settembre 2010

I Precari della Ricerca e della Docenza delle Università italiane esprimono tutta la loro contrarietà rispetto ai contenuti  della conferenza stampa tenuta il 22 Settembre 2010 dal Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e da quello dell’Economia, e rilevano che:

  • il ricatto esplicitamente formulato “prima la riforma e poi i soldi” è inaccettabile, perché la presunta “riforma” altro non è che un gigantesco progetto di smantellamento dell’università pubblica, che peggiorerà la qualità della didattica, cancellerà l’autonomia della ricerca scientifica, impedirà l’accesso ai ricercatori precari ed alle nuove generazioni e imporrà tasse sempre più alte agli studenti, selezionando per censo l’ingresso all’università e privando fasce consistenti della popolazione, in particolare molti tra i giovani delle regioni meridionali, del diritto ad un’istruzione di qualità;
  • l’imposizione al Parlamento dell’approvazione in tempi rapidissimi della riforma (alla Camera il 5 ottobre) si configura come l’ennesima forzatura di una maggioranza che non intende prestare il minimo ascolto ai soggetti interessati dal provvedimento;
  • i ministri hanno chiarito che per molti anni non ci saranno nuove assunzioni nelle università (di per sé un’affermazione inconcepibile in quasi tutti i paesi del mondo) dando così compimento all’operazione di licenziamento dei precari, che ricordiamo sono tra 60000 e 90000 (dati MIUR 2009), che dalla scuola viene definitivamente estesa anche all’Università.
  • Governo (e rettori) chiedono quindi ai ricercatori strutturati di scambiare le proprie prospettive di carriera con il futuro dell’istituzione in cui lavorano. Noi precari, invece, auspichiamo che i colleghi strutturati indisponibili respingano uno scambio così indecente e continuino a schierarsi, come ribadito nell’assemblea nazionale a Roma il 17 Settembre 2010, a difesa dell’università pubblica, mantenendo ferma la loro protesta ad oltranza;
  • è inaccettabile la doppiezza di molti Rettori che negli Atenei si sono dichiarati contrari al DdL, mentre la CRUI con la mozione del 23/9 si è pronunciata decisamente a favore della “riforma”.  La CRUI, anziché rendersi complice delle politiche della maggioranza, vigili piuttosto sul rispetto della legge 311/58 che, lo ricordiamo, consente ai rettori di proseguire il mandato oltre l’età della pensione solo se al momento dell’elezione si trovavano nella oramai abrogata posizione di fuori ruolo.

Affinché la necessaria solidarietà dei precari verso i ricercatori indisponibili si traduca in azioni concrete, i precari devono diventare parte attiva della protesta. Per opporci allo smantellamento dell’università pubblica invitiamo perciò i precari  di tutte le università italiane a mobilitarsi nei giorni 4, 5 e 6 Ottobre 2010 con iniziative di protesta e assemblee locali che dovranno accompagnare tutto il percorso del DdL alla Camera.

Indiciamo per il prossimo Venerdì 8 ottobre 2010 a Bologna un’Assemblea Nazionale dei Precari della Ricerca e della Docenza delle Università, aperta a tutte le componenti dell’Università, della Ricerca e della Scuola, i cui studenti manifesteranno nelle città italiane proprio in quella giornata, per raccogliere la partecipazione alle iniziative locali e organizzarne di ulteriori, coordinandoci a livello nazionale, e per sostenere i 5 punti del documento introduttivo allegato, con l’obiettivo prioritario di rafforzare la mobilitazione unitaria di tutto il mondo accademico contro lo smantellamento di Università e Ricerca pubblica.

Infine, esprimiamo la nostra solidarietà verso tutti i lavoratori, precari e non, che durante questo durissimo periodo di crisi stanno difendendo il proprio lavoro, e riteniamo che l’unificazione delle lotte sia l’unica strada efficace per rispondere all’aggressione che tutti stiamo subendo. In particolare auspichiamo che la nostra assemblea possa rappresentare un momento di confronto con i precari che già si sono organizzati in settori vicini al nostro, come scuola ed enti di ricerca, oltre che con i tanti precari e lavoratori in appalto che lavorano negli atenei italiani.

Precari universitari della Ricerca e della Docenza
ricercatoriprecari-dibattito@googlegroups.com

Ricercatori Precari Bologna

ADI – Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani

Assemblea dei ricercatori e docenti precari dell’Università di Pisa

Coordinamento Nazionale Precari dell’Università FLC-CGIL

Coordinamento Precari della Ricerca Catania

Coordinamento Precari della Ricerca del Politecnico di Torino

Coordinamento precari dell’Università di Torino

Coordinamento Ricercatori Precari Unife – Ferrara

FLC Cgil Catania

FLC Cgil Padova

FLC Cgil Pisa

FLC Cgil Veneto

Gruppo degli assegnisti e dei ricercatori non strutturati di Siena

Laboratori Precari (ROMA)

LINK – Coordinamento Universitario

Precari Invisibili della Ricerca (UNICAL)

Rete29Aprile – Ricercatori per una Università Pubblica, Libera, Aperta

 


docenza a contratto: il quadro del disastro

29 giugno 2010

seminario di riflessione sulla docenza a titolo gratuito e sul precariato intellettuale in tempi di attacco al sistema culturale e di smantellamento dell’università pubblica

ne parliamo con:

Daniela TurazzaOrdine degli Architetti della Provincia di Firenze

Ilaria AgostiniCoordinamento Docenti Precari Unifi

Leonardo CroattoFederazione Lavoratori della Conoscenza – CGIL

sono invitati gli studenti, i dottorandi, i ricercatori e i professori, il personale tecnico e amministrativo, e tutti i lavoratori precari gravitanti intorno all’università 

martedì 29 giugno, ore 12
facoltà di Architettura di Firenze
sede di Santa Verdiana, piazza Ghiberti 27, aula 4V

a cura di: Coordinamento Docenti Precari Unifi e FLC CGIL Firenze


Meno bandi, più bindoli. Centinaia di corsi gratuiti confermati d’ufficio, senza il consenso dei prof (precari)

19 giugno 2010

Alla Facoltà di Architettura di Firenze cade ogni parvenza di istituzionalità: per il prossimo anno accademico, più di cento cattedre saranno assegnate d’ufficio a docenti esterni senza il loro consenso formalizzato. E senza bandi. Si tratta di quei docenti che già avevano svolto l’insegnamento nell’a.a. 2009-2010, attribuito loro tramite un contratto annuale di docenza, per di più a titolo gratuito (gratuità prevista dalla L. 230/2005, art. 1, c. 10). Eppure il corpus delle leggi che regola lo spinoso capitolo delle docenze a contratto impedirebbe di fatto questo tipo di automatismo: il decreto del luglio 2008, che disciplina a livello nazionale l’affidamento delle docenze, secondo quanto già stabilito dal D.M. 242/98 (art. 2, c.1), prevede che gli incarichi di insegnamento, gratuiti o retribuiti, annuali o pluriennali, siano affidati tramite “procedure di selezione, anche con appositi bandi, assicurando la pubblicità degli atti, la valutazione comparativa dei candidati” (è viva l’eco dell’art. 97 della Costituzione). All’art. 3, c. 2, del D.M. luglio 2008 si accenna alla possibilità di “conferimento diretto di incarichi di insegnamento”, limitata però esclusivamente ad “eminenti studiosi, italiani o stranieri, a fronte di riconoscimenti scientifici e/o professionali dagli stessi ottenuti in “ambito nazionale ed internazionale”. Facendo leva su tale comma, il regolamento di Ateneo (Regolamento in materia di incarichi di insegnamento e di attività didattica integrativa, 22 maggio 2009, n. 674), prefigura l’eventualità del rinnovo diretto “previa valutazione dell’attività svolta” (R.R. 674/09, art. 7, c. 5), senza specificare tuttavia le modalità di tale rinnovo, né di tale valutazione, né la qualità scientifica del futuro contrattista (come invece specifica il D.M., art. 3, c. 2): il rinnovo è d’ufficio (come sta accadendo) o si tratta più ragionevolmente di un atto consensuale? Chi valuta, e secondo quali criteri, l’attività del docente esterno da confermare? Sarebbero tutti “eminenti studiosi” (D.M. luglio 2008, art. 3, c. 2) di fama internazionale i cento, e più, prof. reclutati automaticamente dalla facoltà? 

La mancata retribuzione (che abbiamo già contestato in molteplici sedi istituzionali), l’assenza di trasparenza negli atti pubblici, gli automatismi non consensuali, infliggono a centinaia di contrattisti una condizione lavorativa ben al di sotto del limite della dignità; acuiscono la già esistente competizione tra contrattisti e ricercatori in mobilitazione che, come segno di protesta contro l’indegna riforma universitaria, stanno dichiarando l’indisponibilità a sostenere gli incarichi didattici; abbassano la garanzia della qualità della didattica che l’università pubblica avrebbe il dovere di assicurare alla popolazione italiana, e contribuiscono perciò al disegno berlusconiano di smantellamento del sistema dell’istruzione pubblica.

Basta lavoro non retribuito, basta automatismi autoritari! Basta precariato!

17 giugno 2010

Coordinamento Docenti Precari Unifi

Qualche dato riferito alla Facoltà di Architettura di Firenze:

docenti strutturati (associati, ordinari, ricercatori), a.a. 2009-10: 197 (fonte: MIUR);

docenze a contratto messe a bando nell’a.a. 2009-2010: 230 (fonte: Unifi);

docenze messe a bando nell’a.a. 2010-2011: 83 (fonte: Unifi);

docenze confermate con la modalità sopra esposta, nell’a.a. 2010-2011: dato non “rivelato” (ma non è distante da 230 – 83 = 147);

ricercatori che rinunciano agli incarichi di docenza (ad oggi, 17 giugno 2010): 54 su 76 (fonte: Coordinamento Ricercatori Unifi).


Se non cambiera’… l’anno accademico non partira’!!!

24 maggio 2010
PROVE GENERALI DI RETTORATI ASSEDIATI!

Ore 15:00 18/5/10 - Studenti, ricercatori, precari, T/A dell'Universita' di Torino occupano il rettorato. Siamo in 1.000

18 Maggio 2010Giornata di mobilitazione nazionale contro il DDL Gelmini con occupazione dei rettorati.

Torino, Milano, Verona, Bologna, Genova, Firenze, Pisa, Siena, Roma, Napoli, Cagliari, Cosenza, Catania…. Da Nord a Sud una serie lunghissima di iniziative, rettorati e rettori assediati da un grande movimento di protesta contro le riforme antidemocratiche del sistema universitario italiano. Un grido unanime di condanna dei tagli indiscriminati al sistema universitario pubblico, che avranno come unico risultato lo stato di crisi degli Atenei. Studenti, ricercatori precari e strutturati, tecnici/amministrativi, esternalizzati… tutti, uniti nel rifiutare il processo di privatizzazione degli Atenei portato avanti dall’attuale Governo. Nel difendere la liberta’ di ricerca e docenza, fuori dalle logiche di mercato, gli studenti denunciano inoltre il rischio quanto mai attuale di aumento delle tasse universitarie.

18/5/10 - Rettorato del Politecnico occupato da 400 lavoratori e studenti

Mentre al Politecnico di Torino si organizza il pranzo precario prima dell’occupazione del rettorato, all’Universita’ di Torino, unico ateneo ad essere ancora occupato ad oltranza da martedi’ 18 maggio, il Rettore Pelizzetti e’ stato costretto a scrivere una lettera al Ministro Gelmini, dopo che aveva ricevuto mandato dal Senato Accademico.

Il 19 maggio si e’ tenuto invece un presidio di protesta di ricercatori, precari e studenti sotto il Senato a Roma, dove era in corso una seduta della VII Commissione. Nonostante la Commissione abbia ricevuto una delegazione di ricercatori, precari e studenti, non sono stati fatti significativi passi di apertura nei confronti dei lavoratori in mobilitazione e alcun passo indietro nelle politiche di tagli e privatizzazione al sistema universitario ne’ sulla cancellazione della figura di ricercatore a tempo indeterminato.

Intanto novita’ da macelleria sociale arrivano con le nuove bozze di DDL (vedi post sopra). E’ quanto mai necessaria un’apertura da parte del Governo, altrimenti le occupazioni continueranno a oltranza. Studenti, ricercatori e precari sono stati chiari: il prossimo anno accademico non partira’ finche’ non verranno accolte le loro rivendicazioni!


Università di Firenze – ricercatori e docenti precari in assemblea

3 marzo 2010

 

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA COORDINAMENTO DEI DOCENTI E 
RICERCATORI PRECARI DI ATENEO – VENERDI’ 5 MARZO ORE 17.00

E’ iniziato il secondo semestre, i corsi sono avviati e la nostra situazione di contrattisti rimane sostanzialmente invariata. E’ necessario ricominciare ad attivarci, ciascuno nel proprio dipartimento e nelle facoltà. In queste ultime settimane il Coordinamento Docenti Precari, insieme all’FLC-CGIL, ha inviato una richiesta di tavolo di confronto al Rettore. Insomma, c’è da riflettere e progettare collettivamente il da farsi. Per questo è necessaria la partecipazione di tutti all’

* ASSEMBLEA DI ATENEO venerdì 5 marzo, ore 17.00 – Facoltà di Architettura, sede di Santa Verdiana* , aula (ancora) da definire

All’ordine del giorno:

– analisi del disegno di legge Gelmini, in particolare del titolo III che ci riguarda molto da vicino, nostra posizione e strategie di azione; vedi il commento della Flc e scarica il testo definitivo del ddl

– verifica dell’ipotesi di convocazione di assemblea nazionale dei ricercatori-docenti precari in concomitanza con l’assemblea nazionale dell’ANDU (associazione nazionale docenti universitari) che si terrà a Firenze il 26 giugno;

– condivisione del documento-piattaforma, firmato dal Coordinamento Docenti Precari e dall’FLC CGIL, con le rivendicazioni precarie da presentare al Rettore

– preparazione dell’inaugurazione della “stanza precaria” che i docenti-ricercatori di Urbanistica hanno ottenuto in dipartimento; tale manifestazione potrebbe diventare un’azione allargata che coinvolga tutti i ric.-doc. precari di ateneo, ma anche studenti, etc., per uscire (una volta tanto) dall’invisibilità.

Alleghiamo il manifestino dell’assemblea da diffondere e attaccare nei
corridoi (assemblea_precaria
). Vi ricordiamo che  la partecipazione alle riunioni di coordinamento è determinante. Siete tutti caldamente invitati a partecipare.